[gtranslate] ISRAELE CON UN ATTACCO AEREO DEMOLISCE IL CONSOLATO IRANIANO, 7 MORTI, TRA CUI DUE GENERALI - WHAT-U

man praying in mosque
Photo by mohammad ramezani on Pexels.com

Oggi un attacco aereo israeliano ha demolito il consolato iraniano in Siria uccidendo due generali iraniani e cinque ufficiali, secondo funzionari siriani e iraniani. L’attacco sembrava significare un’escalation degli attacchi da parte di Israele contro funzionari militari iraniani, che forniscono denaro e armi a Hamas e ad altri militanti responsabili dell’attacco del 7 ottobre contro Israele. Da quando è iniziata la guerra a Gaza, quasi sei mesi fa, sono aumentati gli scontri anche tra Israele e Hezbollah – un altro gruppo militante sostenuto dall’Iran – lungo il confine settentrionale di Israele con il Libano.

Israele, che raramente riconosce tali attacchi, ha affermato di non avere commenti sull’ultimo attacco in Siria, anche se un portavoce militare ha accusato l’Iran di un attacco di droni lunedì scorso contro una base navale nel sud di Israele. Secondo la Guardia rivoluzionaria iraniana, l’attacco aereo in Siria ha ucciso il generale Ali Reza Zahdi, che guidava la forza d’élite Quds in Libano e Siria fino al 2016. Ha ucciso anche il vice di Zahdi, il generale Mohammad Hadi Hajriahimi, e altri cinque ufficiali. Nell’attacco è rimasto ucciso anche un membro di Hezbollah, Hussein Youssef, ha detto all’Associated Press un portavoce del gruppo militante. Il portavoce ha parlato a condizione di anonimato in linea con le regole del gruppo; Hezbollah ha annunciato pubblicamente la morte. Tra i feriti c’erano anche due agenti di polizia che sorvegliavano il consolato e i primi soccorritori stavano ancora cercando i corpi sotto le macerie. Mentre l’edificio consolare iraniano è stato raso al suolo durante l’attacco, secondo l’agenzia di stampa statale siriana, l’edificio principale dell’ambasciata è rimasto intatto. Tuttavia, la residenza dell’ambasciatore iraniano si trovava all’interno dell’edificio consolare.

L’ambasciatore iraniano, Hossein Akbari, ha promesso vendetta per l’attacco “della stessa entità e durezza”.

Hamas e la Jihad islamica – un altro gruppo militante palestinese sostenuto dall’Iran – hanno accusato Israele di cercare di ampliare il conflitto a Gaza.

Gli esperti hanno detto che non c’erano dubbi che l’Iran avrebbe reagito. L’attacco in Siria è stato una “grande escalation”, ha detto Charles Lister, un esperto di Siria presso il Middle East Institute di Washington, sulla piattaforma di social media X. Un portavoce del ministero degli Esteri iraniano, Nasser Kanaani, ha invitato gli altri paesi a condannare l’attacco. Negli ultimi anni Israele ha effettuato centinaia di attacchi contro obiettivi nelle parti della Siria controllate dal governo. Tali attacchi aerei si sono intensificati dall’inizio della guerra tra Israele e Hamas. Anche se raramente riconosce le sue azioni in Siria, Israele ha affermato di prendere di mira le basi di gruppi militanti alleati dell’Iran come Hezbollah, che ha inviato migliaia di combattenti per sostenere le forze del presidente siriano Bashar Assad. Un attacco aereo israeliano in un quartiere di Damasco a dicembre ha ucciso un consigliere di lunga data della guardia rivoluzionaria paramilitare iraniana in Siria, Seyed Razi Mousavi. Un attacco simile contro un edificio a Damasco a gennaio ha ucciso almeno cinque consiglieri iraniani. La settimana scorsa, attacchi aerei sulla strategica provincia siriana orientale di Deir el-Zour, vicino al confine iracheno, hanno ucciso un consigliere iraniano. Il portavoce capo dell’esercito israeliano, il contrammiraglio Daniel Hagari, ha affermato che l’attacco dei droni contro una base navale nel sud di Israele “diretto dall’Iran” non ha causato feriti. L’esercito ha detto che ha causato solo lievi danni.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY