[gtranslate] VENEZUELA I MILITARI DI MADURO BLOCCANO GLI AIUTI UMANITARI. POPOLO IN RIVOLTA - WHAT-U

Juan Guaidò ha annunciato oggi, dal versante colombiano del ponte Las Tienditas, che è iniziata l’operazione “pacifica, multilaterale e umanitaria” per fare entrare in Venezuela gli aiuti umanitari inviati dalla comunità internazionale. “Questa è una iniziativa pacifica, ma di grande fermezza”, ha detto in una conferenza stampa comune con il presidente colombiano, Ivan Duque. Il presidente del Parlamento venezuelano, che ha assunto i poteri dell’esecutivo, ha affermato: “Mentre noi stiamo preparando l’invio degli aiuti, altri cercano di bloccarli con la violenza”, alludendo alle forze dell’ordine, che bloccano i confini del Venezuela con Brasile e Colombia. Guaidò ha reso omaggio agli indigeni Pemon, “vittime di quella violenza”. Ha lanciato appelli alle Forze Armate, perché “si mettano dalla parte giusta della Storia”, e al “popolo chavista”, al quale ha chiesto di “manifestarsi in pace” e ha promesso “riconciliazione nazionale”. Nella città di San Antonio de Tachira , che confina con la città colombiana di Cucuta,


El Pais riferisce che ci sono stati scontri tra forze di sicurezza, la popolazione e i seguaci di Guaidó. 

Gli agenti hanno cercato di disperdere i dimostranti con gas lacrimogeni e proiettili. Ci sono stati episodi di violenza sul lato venezuelano dei ponti Tienditas e Simón Bolívar. A rendere ancora più complicata la situazione il caos seminato dai gruppi paramilitari di Chavez.

Almeno quattro persone sono morte nelle ultime ore a Santa Elena de Uairen, località a 20 km dal confine con il Brasile, uccise dai “colectivos” (gruppi irregolari chavisti) che sparano sui manifestanti. Lo ha detto Alfredo Romero, direttore della ong Foro Penal, aggiungendo che i feriti sono almeno 18.

“Continuiamo a ricevere sostegno dalla comunità internazionale, che ha potuto vedere con i suoi stessi occhi come il regime usurpatore violi il protocollo di Ginevra, dove si dice chiaramente che distruggere gli aiuti umanitari è un crimine contro l’umanità”. Lo scrive su Twitter Juan Guaidò, dopo che le forze di Maduro hanno incendiato almeno tre camion di aiuti che erano riusciti a entrare in Venezuela dalla Colombia.

play-sharp-fill
play-sharp-fill
play-sharp-fill


Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY