ATTENTATO A KABUL, BERSAGLIO IL VICE CANDIDATO ALLA PRESIDENZA, EX CAPO INTELLIGENCE AMRULLAH SALEH - WHAT-U

 (Foto AP / Rahmat Gul)

di Paul Johnson

Circa 50 altre persone sono rimaste ferite nell’attacco di domenica contro il quartier generale del partito Green Trend, una battaglia durata ore tra le forze di sicurezza e gli aggressori, dice il portavoce del Ministero degli Interni Nasrat Rahimi. Diversi uomini armati sono stati uccisi dalle forze di sicurezza, ha detto Rahimi. Potenziale bersaglio degli aggressori, il vice candidato alla presidenza ed ex capo dell’intelligence Amrullah Saleh, che è ​​stato “portato via dall’edificio e trasferito in un luogo sicuro”, ha detto Rahimi. Mentre altri 85 civili sono stati salvati perché sono rimasti all’interno dell’edificio. Nessuno finora ha rivendicato la responsabilità dell’attacco, ma sia i talebani che il gruppo dello Stato islamico sono attivi nella capitale e in passato hanno effettuato attacchi su larga scala a Kabul.

I talebani, che controllano più della metà del paese, hanno organizzato attacchi quasi quotidiani in tutto l’Afghanistan. E alla guerra che oramai coinvolge Afghanistan e gli Stati Uniti da 18 anni, il conflitto più lungo d’America, non si riesce a dare una svolta. Anche perché gli insorti si rifiutano di negoziare direttamente con il governo, considerandolo un burattino degli Stati Uniti. Dopo l’attacco, il presidente Ashraf Ghani ha twittato che Saleh è rimasto illeso durante il “complesso attacco” contro l’ufficio Green Trend.

(Foto AP / Rahmat Gul)
(Foto AP / Rahmat Gul)
(Foto AP / Rahmat Gul)

Saleh ha fondato la Green Trend dopo essere stato licenziato come capo dell’intelligence nel 2010 dall’ex presidente Hamid Karzai. Sebbene sia un nuovo arrivato relativamente sulla scena politica afgana, il suo focus è stato la democrazia e le riforme mentre si opponeva ferocemente ai talebani e alla loro ideologia estremista. Ferdous Faramarz, il portavoce del capo della polizia di Kabul, ha affermato che l’attacco è iniziato con un attentato suicida, dopo di che altri aggressori sono entrati nell’edificio e hanno iniziato a sparare alle forze di sicurezza.

Che cosa è successo prima…

La guerra in Afghanistan, iniziata il 7 ottobre 2001, ha visto l’avvio delle ostilità con l’invasione del territorio controllato dai talebani, da parte dei gruppi afghani loro ostili dell’Alleanza del Nord, mentre gli USA e la NATO hanno fornito, nella fase iniziale, supporto tattico, aereo e logistico. Nella seconda fase, dopo la conquista di Kabul, le truppe occidentali, statunitensi e britannici in testa, hanno incrementato la loro presenza anche a livello territoriale per sostenere il nuovo governo afghano: Operazione Enduring Freedom. L’amministrazione dell’ex presidente americano Bush ha giustificato l’invasione dell’Afghanistan, nell’ambito della guerra al terrorismo, seguita agli attentati dell’11 settembre 2001, con lo scopo di distruggere al-Qāʿida e di catturare o uccidere Osama bin Laden, negando all’organizzazione terroristica la possibilità di circolare liberamente all’interno dell’Afghanistan attraverso il rovesciamento del regime talebano. A dieci anni dall’invasione, il 2 maggio 2011, le forze statunitensi hanno condotto un’incursione ad Abbottabad, vicino Islamabad in Pakistan, uccidendo, nel suo rifugio, il leader di al-Qāʿida, Osama Bin Laden. A partire dall’invasione dell’Iraq del 2003, la guerra in Afghanistan ha perso priorità tra gli obiettivi dell’amministrazione americana, riacquistandola solo a partire del 2009 sotto l’amministrazione Obama. A partire dal 2015, l’operazione della NATO ISAF è stata sostituita dall’Operazione Sostegno Risoluto, tesa a continuare l’aiuto al governo afghano, ma con un minor numero di truppe.

(Foto AP / Rahmat Gul)
(Foto AP / Rahmat Gul)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »
error: Content is protected !!