GUCCI SI POTENZIA SUL FRONTE "DIFESA DELLA DIVERSITÀ" E ANNUNCIA L'ARRIVO DELLA TIRADO - WHAT-U

Gucci
Renée Tirado, appena nominata da Gucci capo globale Diversità, equità e inclusione lavorerà dallasede di New York e risponderà al Ceo Marco Bizzarri
Marco Bizzarri, presidente e ceo di Gucci
(di Gpautou – Opera propria, CC BY-SA 4.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=68935020)

“Solo la conoscenza e l’esperienza ti consentono di comprendere appieno la diversità e di ottenere risultati reali a lungo termine”, ha dichiarato il presidente e amministratore delegato Gucci, Marco Bizzarri in un’intervista esclusiva con il WWD, annunciando la nomina del primo capo globale Diversità, equità e inclusione, Renée Tirado che si unisce al gruppo del lusso italiano, lavorando nella sede di New York “perché, nonostante i viaggi in tutto il mondo che dovrebbe fare regolarmente, molti dei progetti di Gucci saranno radicati negli Stati Uniti”, ha osservato Bizzarri. Avvocato, precedentemente responsabile della diversità e dell’inclusione presso la Major League Baseball, la Tirado in precedenza, ha ricoperto ruoli di leadership in materia di diversità e inclusione presso la multinazionale finanza e compagnia assicurativa AIG e la United States Tennis Association. In Gucci la Tirado progetterà, svilupperà e implementerà una strategia globale per creare un posto di lavoro più inclusivo ed equo aumentando la diversità della forza lavoro. Un compito non semplice quello di garantire una cultura aziendale positiva in tutte le regioni assumendo e guidando un team globale di dipendenti dedicati alla diversità, equità e inclusione, ma per Bizzarri un passo indispensabile che è sicuro che avrà un impatto positivo sugli approcci di reclutamento e sulla revisione dei talenti interni. A febbraio, Gucci ha rivelato le prime quattro iniziative a lungo termine per raggiungere la diversità e la consapevolezza culturale in tutta la sua organizzazione e attività a livello globale annunciando l’assunzione di direttori globali e regionali per la diversità e l’inclusione. l’istituzione di un programma di borse di studio multiculturale di design, la realizzazione di un programma di sensibilizzazione sulla diversità e l’inclusività e l’introduzione di un programma di scambio globale. Per consentire alla società di comprendere le diverse percezioni culturali, Bizzarri ha dichiarato: “Abbiamo già iniziato a implementare il nostro programma di formazione sulla distorsione inconscia in termini di diversità e inclusione in America e in Italia. Abbiamo anche lavorato con la professoressa Kimberly Jenkins di Parsons, che ha tenuto una serie di conferenze su questo argomento durante le riunioni aziendali in Europa continentale e in Asia”. Sviluppando le iniziative di cultura aziendale esistenti di Gucci, Tirado supervisionerà il programma di apprendimento della consapevolezza culturale per tutti i dipendenti globali; il Global Multicultural Design Fellowship Program; il programma di scambio globale interno e i gruppi di risorse dei dipendenti, allineandosi alla visione generale di DE&I della società madre Kering. Si prevede che Tirado promuova attività di sostegno anche alla comunità LGBTQ e alla parità di genere attraverso l’appartenenza di Gucci a Parks, il primo marchio di moda di lusso ad aderire nel 2017 al non profit italiano che aiuta le aziende a migliorare la diversità e l’inclusione. Sosterrà ulteriormente gli “Standard di condotta aziendale LGBT delle Nazioni Unite” di Gucci e il brief della Corte suprema degli Stati Uniti a favore dei lavoratori LGBTQ, la partecipazione alla Girls ‘Empowerment Initiative dell’UNICEF e la campagna Chime for Change di Gucci. “Il mio compito sarà quello di creare connessioni umane che inizino con le basi di inclusività, rispetto e diversità per garantire che Gucci rimanga culturalmente rilevante ed economicamente competitivo”, ha detto Tirado. “Sono onorata di entrare a far parte di un’azienda che mette questi valori non negoziabili in primo piano nel loro modello di business, come un componente chiave della sua strategia aziendale. La diversità è all’ordine del giorno di molte aziende, ma Gucci ora ha assunto un ruolo di leadership nel settore attraverso l’ampiezza delle iniziative che sta intraprendendo e la definizione delle priorità che ha posto su di essa come parte del business complessivo ”, ha sottolineato la Tirado. La Tirado diventerà membro anche del Gucci Changemakers Council, un nuovo programma globale che la società ha lanciato a marzo per sostenere un cambiamento nel settore e favorire l’unità attraverso l’azione della comunità. Come riportato,  Gucci Changemakers include un fondo per un totale di $ 5 milioni in cinque anni e un programma di borse di studio quadriennale per $ 1,5 milioni in Nord America. Inoltre, Gucci sta promuovendo un quadro globale di volontariato per i dipendenti che alimenterà l’impegno dell’azienda a creare un impatto sociale duraturo nelle comunità e nel settore della moda. Il Fondo Changemakers investirà in programmi basati sulla comunità nelle città del Nord America. In particolare, si concentrerà sulla costruzione di forti connessioni e opportunità all’interno della comunità afro-americana. Tirado collaborerà strettamente con Antoine Phillips, recentemente nominato vicepresidente dell’impegno per il marchio e la cultura presso Gucci America, e il suo team nei loro sforzi per rafforzare le attività di impatto sociale locale attraverso le iniziative di Changemakers.

Dato il vasto lavoro di Tirado per l’uguaglianza delle donne, Tirado entrerà a far parte anche del comitato consultivo Chime for Change fondato da Gucci nel 2013 dalla società di lusso in collaborazione con Beyoncé Knowles-Carter e Salma Hayek Pinault, moglie del CEO di Kering Francois-Henri Pinault, per sostenere e promuovere l’uguaglianza di genere con un focus su istruzione, salute e giustizia. Oltre a promuovere la consapevolezza culturale e sociale verso l’uguaglianza di genere, Chime for Change è attiva nello sviluppo di progetti in collaborazione con GlobalGiving, un’organizzazione no profit con sede negli Stati Uniti che fornisce una piattaforma di crowdfunding globale per progetti di beneficenza di base, nonché con l’UNICEF.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »
error: Content is protected !!