INPS ANTICIPA IL PAGAMENTO DELLE PENSIONI

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lo stabilisce un’Ordinanza della Presidenza del Consiglio dei Ministri, emanata il 19 marzo allo scopo di consentire a tutti i titolari delle prestazioni di recarsi presso gli uffici postali in piena sicurezza, nel rispetto delle misure di contenimento della diffusione del virus COVID-19

Nei mesi di aprile, maggio e giugno il pagamento presso gli sportelli postali dei trattamenti pensionistici, degli assegni, delle pensioni e delle indennità di accompagnamento erogate agli invalidi civili sarà anticipato rispetto alle normali scadenze e verrà distribuito su più giorni.

Lo stabilisce un’Ordinanza della Presidenza del Consiglio dei Ministri, emanata il 19 marzo allo scopo di consentire a tutti i titolari delle prestazioni di recarsi presso gli uffici postali in piena sicurezza, nel rispetto delle misure di contenimento della diffusione del virus COVID-19

Il pagamento avverrà secondo il seguente calendario:

  • 26-31 marzo per la mensilità di aprile 2020;
  • 27-30 aprile per la mensilità di maggio 2020;
  • 26-30 maggio per la mensilità di giugno 2020.

Per la prima scadenza sono stati stabiliti i seguenti scaglioni, suddivisi in base alle iniziali del cognome del titolare della prestazione:

  • A-B             giovedì 26 marzo
  • C-D              venerdì’ 27 marzo
  • E-K              sabato 28 marzo
  • L-O              lunedì 30 marzo
  • P-R              martedì 31 marzo
  • S-Z              mercoledì 1° aprile

Anche per le successive mensilità Poste Italiane programmerà l’accesso agli sportelli dei titolari delle prestazioni in modo da scaglionare le presenze all’interno degli uffici postali. Il relativo calendario sarà comunicato in prossimità della scadenza.

Pagamento pensioni all’estero

Pagamento delle pensioni all’estero. Accertamento generalizzato dell’esistenza in vita riferito agli anni 2019- 2020 Sospensione della seconda fase

A causa della pandemia da Covid – 19, l’Inps ha comunicato di aver concordato con CITYBANK di sospendere le attività connesse all’accertamento generalizzato dell’esistenza in vita riferito agli anni 2019-2020. Una decisione presa per salvaguardare la salute dei pensionati e di tutti i soggetti coinvolti nell’attività di verifica. Ovviamente qualunque decisione potrà essere rivista alla luce dell’evoluzione della situazione epidemiologica internazionale in atto, la seconda fase del processo di verifica avrà inizio con l’invio delle richieste di attestazione dell’esistenza in vita ai pensionati nel corso del mese di agosto 2020.

Tali attestazioni dovranno pervenire a Citibank entro il mese di dicembre 2020. Nel caso in cui l’attestazione non sia prodotta entro il termine sopraindicato, il pagamento della rata di gennaio 2021, nei casi in cui sarà possibile, avverrà in contanti presso le agenzie Western Union del Paese di residenza. In caso di mancata riscossione personale o produzione dell’attestazione di esistenza in vita entro la seconda metà del mese di gennaio 2021, il pagamento delle pensioni sarà sospeso a partire dalla rata di febbraio 2021.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »
error: Content is protected !!