•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lavoratori municipali indossano impermeabili come equipaggiamento protettivo mentre seppelliscono una vittima COVID-19 in un cimitero di Jakarta, Indonesia
(ph. Willy Kurniawan / Reuters)

di Manuela Sacchi

Papa Francesco celebrerà la Messa per la Domenica delle Palme, il Giovedì Santo e la Pasqua in una basilica quasi vuota di San Pietro, invece dell’enorme piazza esterna piena di fedeli cattolici. Nella sua nativa Argentina, l’arcivescovado di La Plata ha incoraggiato i fedeli a usare qualsiasi tipo di pianta in casa per una benedizione “virtuale” durante un livestream del servizio della Domenica delle Palme. Nel frattempo a causa del Coronavirus sale il numero delle vittime nel mondo. L’Indonesia ora ha uno dei più alti tassi di mortalità COVID-19 nel mondo a circa il 9 percento, secondo la Indonesian Disaster Mitigation Agency (BNPB), leggermente inferiore all’Italia.

Mercoledì, il portavoce del ministero della Sanità Achmad Yurianto ha dichiarato che 170 persone erano morte a causa del virus dal 2 marzo e 1.790 si sono risultate positive al Covid-19. Vi sono dubbi sul fatto che il numero potrebbe essere molto più elevato poiché le statistiche provinciali sono spesso in conflitto con quelle diffuse dall’amministrazione centrale. Anche lì, come di prassi, famiglie non sono autorizzate a vedere i propri cari o ad aprire le sacche per fare un ultimo saluto ai propri cari prima della sepoltura, ma possono richiedere che i loro familiari vengano collocati in una bara di legno aggiuntiva fornita dall’ospedale. Tra i morti ci sono stati, come da noi, molti medici ospedalieri, tra i quali due primari, secondo l’Indonesian Medical Association (IDI). Uno di quei dottori, scrive Al Jazeera, era Ucok Martin un medico di Medan. Non è chiaro dove abbia contratto COVID-19, poiché era appena tornato da Gerusalemme e aveva iniziato a lavorare all’ospedale pubblico Adam Malik prima di ammalarsi. “Inizialmente aveva una radiografia che era chiara leggibile”, ha raccontato un suo collega ad Al Jazeera. “Poi quando gli hanno fatto di nuovo una radiografia pochi giorni dopo, l’intera radiografia era bianca. I suoi polmoni erano stati annientati dal virus che lo ha ucciso”. Esattamente come è accaduto il 7 febbraio a Li Wenliang, un medico che fu tra i primi a lanciare l’allarme sul Coronavirus, e morì a Hong Kong dopo giorni di agonia. Il 1 ° aprile , il capo delle Nazioni Unite ha avvertito che la pandemia del Coronavirus ha causato la “peggior crisi” dopo la seconda guerra mondiale, con quasi 922.000  persone in tutto il mondo a cui è stato diagnosticato il virus. Il bilancio delle vittime negli Stati Uniti ha superato i 4.300 in quanto la Spagna, il Regno Unito e la Francia hanno registrato il loro più grande aumento di un giorno delle morti fino ad oggi. Il 2 aprile , il mondo ha segnato due tragici traguardi poiché il totale globale dei casi confermati di COVID-19 ha superato 1 milione e il bilancio delle vittime in tutto il mondo a causa della malattia ha superato i 50.000. Nel frattempo, il bilancio delle vittime in Spagna è aumentato passando da 932 a 10.935 casi, cifre fornite dal ministero della salute che però confermano una costante tendenza al ribasso nel tasso di nuovi casi e decessi. Anche il numero dei casi di Coronavirus registrati in Russia è salito a 3.548, toccando il record giornaliero di 771 casi. Il 3 aprile , gli Stati Uniti hanno registrato il più alto numero di morti giornaliere, quasi 1200, da quando la pandemia è iniziata. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha avvertito i governi del Medio Oriente che devono agire rapidamente per limitare la diffusione del Coronavirus, poiché i casi nella regione sono saliti a quasi 60.000, quasi il doppio del conteggio di una settimana prima. 


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Translate »
error: Content is protected !!