•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Nell’ambito dello scenario di base delle ultime  proiezioni demografiche  emesse da Eurostat, la popolazione dell’Unione europea diminuirà di quasi il 7%, ovvero 31 milioni di persone, tra il 1 ° gennaio 2019 e il 1 ° gennaio 2100.

Nel 2026 la popolazione dell’Unione Europea raggiungerà un picco di 449 milioni di persone

Dopo anni di costante aumento, si prevede che la popolazione dell’UE raggiungerà il picco di 449 milioni di persone nel 2026, per poi diminuire progressivamente.

Una società che invecchia

Quindi accadrà che la popolazione dell’UE in generale continuerà a invecchiare. Si prevede che la percentuale di bambini (da 0 a 14 anni) scenderà leggermente da una quota del 15% all’inizio del 2019 al 14% entro il 2100. Analogamente, si prevede che la percentuale di persone in età lavorativa rispetto alla popolazione totale dell’UE diminuirà passando dal 65% nel 2019 al 55% nel 2100.

Al contrario, si prevede che la percentuale di persone di età pari o superiore a 65 anni nella popolazione totale dell’UE aumenterà di 11 punti percentuali, dal 20% all’inizio del 2019 al 31% entro il 2100. Nello stesso periodo, la percentuale di persone di 80 anni anni e oltre aumenterà più del doppio, passando dal 6% al 15%. Di conseguenza, si prevede che l’età mediana aumenti dagli attuali 43,7 anni nel 2019 a 48,8 nel 2100.

Visualizza le tendenze della popolazione nel tuo paese

In occasione della  Giornata mondiale della popolazione 2020, controlla la piramide interattiva della popolazione di Eurostat che ti consente di confrontare l’attuale popolazione dell’UE per fascia d’età e sesso con le proiezioni demografiche di Eurostat. Seleziona uno Stato membro dell’UE o un paese EFTA per vedere il numero di persone per fascia d’età e sesso nel 2019 (blocco di colore) e confrontalo con le proiezioni della popolazione futura fino all’anno 2100 (linea con un bordo).


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Translate »
error: Content is protected !!