•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  

In vista del vertice UE del 17 luglio, i deputati preposti a discutere dei passaggi chiave e soprattutto delle basi del bilancio a lungo termine dell’UE, non sono d’accordo riguardo l’avallo di ulteriori tagli e sollecitano il Consiglio europeo a migliorare il testo.

Ecco la squadra negoziale del PE (anche nella foto di apertura) per il prossimo bilancio dell’UE a lungo termine e la riforma delle risorse proprie

Johan Van Overtveldt (ECR, BE), presidente della commissione per i bilanci

Jan Olbrycht (PPE, PL), correlatore del QFP

Margarida Marques (S&D, PT), correlatrice del QFP

José Manuel Fernandes (PPE, PT), correlatore delle risorse proprie

Valérie Hayer (RENEW, FR), correlatrice delle risorse proprie

Rasmus Andresen (Verts / ALE, DE)

Seguili su Twitter : https://twitter.com/EP_Budgets/lists/mff-negotiation-team

“Abbiamo letto molto attentamente il progetto di conclusioni del Consiglio europeo (” riquadro dei negoziati “) presentato venerdì dal presidente Charles Michel. Apprezziamo il fatto che il presidente Michel abbia preso in considerazione le dimensioni e l’equilibrio dello strumento di recupero come proposto dalla Commissione e raccomandiamo ai membri del Consiglio europeo di non annacquarlo. Le sovvenzioni sono una parte essenziale di questo strumento e una riduzione sarebbe inaccettabile. Tuttavia, ci dispiace che ciò abbia un costo per alcuni elementi fondamentali del pacchetto.

I parlamentari non vogliono rinunciare a tagliare i fondi per Erasmus, Europa digitale, Orizzonte Europa, migrazione e clima a fronte delle urgenze poste in primo piano dal passaggio del Covid-19

In primo luogo”, hanno proseguito i parlamentari, “non possiamo accettare il livello molto basso proposto per i massimali del quadro finanziario pluriennale (QFP) per il 2021-2027. Mentre la Commissione europea ha già ridimensionato la sua proposta originale di 35 miliardi di euro lo scorso maggio, questa proposta la sta tagliando ulteriormente togliendo altri 25 miliardi di euro da programmi chiave come Erasmus +, Europa digitale, Orizzonte Europa e migrazione. E ciò è inaccettabile ed è un altro passo dalla posizione del Parlamento. Gli obiettivi a lungo termine dell’Unione europea non sono scomparsi con l’epidemia di COVID-19 e non dovrebbero essere sacrificati per motivi di ripresa a breve termine. Tuttavia, accogliamo con favore il nuovo obiettivo per il clima del 30% e la sua applicazione sia al QFP sia allo strumento di recupero.

In secondo luogo”, prosegue univoca la squadra di deputati, “deploriamo le proposte rivolte all’indietro dal lato delle entrate. Un meccanismo obsoleto di rettifiche finanziarie (“riduzioni”) verrebbe immediatamente ripristinato per cinque paesi e un ulteriore tipo di correzione sarebbe integrato nel nuovo contributo basato sulla plastica. Tuttavia, quando si tratta di istituire un paniere moderno di nuove risorse proprie, ogni decisione viene rinviata in seguito, senza alcun impegno da parte degli Stati membri. Non dovremmo lasciare alle prossime generazioni la scelta di rifinanziare il debito comune attraverso contributi nazionali aggiuntivi o capacità di investimento ridotte. Abbiamo bisogno di un calendario chiaro e vincolante per l’introduzione di nuove risorse proprie, con un paniere di nuove risorse che dovrebbero partire dal 1 ° gennaio 2021. Questa rimane una delle condizioni del Parlamento europeo per dare il suo consenso sul versante delle spese”.

I parlamentari poi puntano il dito sulle diverse disposizioni proposte dal presidente Michel che potrebbero compromettere l’effettiva attuazione dei programmi (in particolare quelli previsti dallo strumento per il recupero) nonché la supervisione democratica del Parlamento. “Il Parlamento garantirà il rispetto del suo potere di controllo nei negoziati con le altre istituzioni su tale questione, come proposto nel riquadro dei negoziati del presidente Michel”, assicurano. “Inoltre, il modo in cui viene applicato il meccanismo dello stato di diritto è fondamentale. Chiediamo un negoziato adeguato, nel rispetto delle regole stabilite nei trattati. I nostri valori non possono essere una variabile di aggiustamento per un affare”.

Il Parlamento Eu dirà di sì solo se soddisfatto del bilancio pluriennale complessivo

“Ricordiamo che il Parlamento fornirà il proprio consenso al nuovo regolamento sul QFP solo se sarà soddisfatto del QFP complessivo, delle risorse proprie e del pacchetto di recupero”, conclude la squadra che attualmente si sta occupando dello studio delle risorse del bilancio pluriennale. “Inoltre, molti degli elementi contenuti nel progetto di conclusioni del Consiglio europeo sono regolati da atti legislativi che devono essere codecisi su un piano di parità tra il Parlamento e il Consiglio. Chiediamo pertanto al Consiglio europeo di essere ambizioso e di migliorare sostanzialmente la proposta, tenendo conto delle opinioni del Parlamento e aprendo infine la strada a negoziati interistituzionali attesi da tempo. Abbiamo bisogno di mezzi finanziari sufficienti per superare le sfide che sono chiaramente identificate dall’Unione europea e dai suoi Stati membri. Dobbiamo soddisfare le aspettative dei cittadini”. (D.G.)


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
Translate »
error: Content is protected !!