DISTRUTTA LA CASA DI UN NOTO MAGNATE DEL PETROLIO CURDO IRACHENO - WHAT-U

Ecco l’ex sontuosa villa del magnate del petrolio curdo iracheno Baz Karim Barzinji, amministratore delegato della compagnia petrolifera del gruppo KAR, distrutta da una raffica di missili caduti vicino a un complesso del consolato statunitense nella città di Irbil, nel nord dell’Iraq.
(Foto AP/Ahmed Mzoori

La sontuosa villa del magnate del petrolio curdo iracheno Baz Karim Barzinji, amministratore delegato della compagnia petrolifera del gruppo KAR è stata distrutta da una raffica di missili caduti vicino a un complesso del consolato statunitense nella città di Irbil, nel nord dell’Iraq. La potente Guardia Rivoluzionaria iraniana ha dichiarato di aver lanciato l’attacco domenica scorsa, lanciando 12 missili da crociera contro quello che ha descritto come un “centro strategico” dell’agenzia di spionaggio israeliana Mossad – in rappresaglia per un attacco israeliano in Siria che ha ucciso due delle forze paramilitari iraniane membri la settimana precedente.

Baz Karim Barzinji ha negato qualsiasi legame con il Mossad e si è detto sollevato per il fatto che la sua famiglia è rimasta illesa perché Il magnate, sua moglie e i due figli adolescenti stavano visitando una fattoria vicina quando è avvenuto l’attacco. Il consolato non è stato danneggiato e nell’attacco non ci sono stati feriti. Gli Stati Uniti hanno affermato di non credere che il consolato fosse l’obiettivo del raid. Ma lo sbarramento ha segnato una significativa escalation tra Stati Uniti e Iran. L’ostilità tra i nemici di lunga data si è spesso manifestata in Iraq, il cui governo è alleato di entrambi i paesi.

Barzinji venerdì ha mostrato ad Associated Press le macerie della sua bella dimora. “Questa è la casa della mia famiglia, tutte le foto e le nostre cose” erano qui, ha detto. “E’ stato orribile”. Cìè chi dice che tutto sia accaduto perché gli iraniani hanno incolpato

Sua figlia, Ban Karim, ha racconta di come si sia rannicchiata in giardino con i cani di famiglia mentre i fragorosi missili sfrecciavano sopra la sua testa. “Non sappiamo se possono vederci, non sappiamo se sono droni, non sappiamo nulla di balistica, cosa accadrà in questo momento”, ha detto parlando in inglese.

Gli osservatori ipotizzano che la tempistica dell’attacco sia stata significativa poiché l’attenzione del mondo è sulla guerra della Russia in Ucraina.

La regione semiautonoma curda settentrionale dell’Ira ha legami con Israele per la vendita del suo petrolio. Il gruppo KAR di Barzinji ha costruito e gestisce il gasdotto di esportazione a Ceyhan in Turchia attraverso una joint venture con la russa Rosneft. E da tempo sono molti quelli che dicono che la dimora di Barzinji sia una base israeliana. Un funzionario dell’intelligence irachena, parlando in condizione di anonimato per discutere dell’attacco, ha anche respinto le affermazioni che la casa fosse un centro di spionaggio israeliano, aggiungendo che era un luogo in cui i diplomatici tenevano spesso incontri sociali. L’attacco rappresenta il primo assalto dell’Iran al suolo iracheno dall’attacco missilistico del gennaio 2020 alla base aerea di Ain al-Assad che ospita le forze statunitensi, che era una rappresaglia per gli attacchi di droni statunitensi che hanno ucciso un alto generale iraniano, Qassem Soleimani, fuori dall’aeroporto di Baghdad.

“Questo è un messaggio (dell’Iran) alla loro base, alla loro gente. Avevano bisogno di alzare il morale perché sono stati umiliati per molto tempo”, ha detto Hamdi Malik, un collega del Washington Institute specializzato in milizie sciite. Malik crede che l’attacco di domenica sia stato accuratamente pianificato per ridurre al minimo le vittime e non causare danni diretti agli interessi degli Stati Uniti, ma ha anche inviato un messaggio agli americani in mezzo ai colloqui nucleari in stallo tra l’Iran e le potenze mondiali a Vienna: la prossima volta potrebbe essere più grande e più pericolosa,

L’attacco è servito anche a ricordare Baghdad, dove i colloqui sulla formazione di un governo stanno languindo e dove Moqtada al-Sadr, il vincitore delle elezioni parlamentari in Iraq del 2021, è minacciato di escludere i partiti sostenuti dall’Iran formando un’alleanza con curdi e sunniti. Il “messaggio dell’Iran ai partner iracheni è che non importa chi vince le elezioni…. L’Iraq è il nostro cortile e possiamo fare quello che vogliamo, quando vogliamo”, ha detto Malik.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »
error: Content is protected !!