[gtranslate] DOPO LA MORTE DELLA REGINA, COSA ACCADRÀ ALLA VALUTA BRITANNICA? - WHAT-U

Il feretro di Elisabetta II ha lasciato la residenza scozzese di Balmoral, dove la regina 96enne è spirata tre giorni fa, per l’ultimo viaggio verso la sepoltura finale a Londra prevista lunedì 19.

Tra pochi minuti verso le 16, arriverà nel Palazzo di Holyroodhouse a Edimburgo dove resterà per la notte di domenica prima della solenne processione prevista per domani lunedì 12 settembre lungo il Royal Mile. Ali di folla si stanno radunando lungo il percorso per rendere tributo alla sovrana al passaggio del corteo. Il carro funebre è uscito dal cancello principale della residenza – buen retiro favorito per decenni da Elisabetta e dal suo defunto consorte Filippo, salutato da due guardie sull’attenti e ha imboccato il viale per raggiungere la strada principale. Alle spalle del veicolo con il feretro, una Rolls Royce con a bordo la principessa Anna, figlia secondogenita 72enne di Sua Maestà, e il marito, vice ammiraglio Tim Lawrence. Quindi alcune Range Rover di scorta. La Princess Royal, titolo attribuito ad Anna, accompagnerà le spoglie di sua madre per tutto il tragitto del viaggio fino a Edimburgo. E poi per quello successivo verso Londra nei prossimi giorni.

 Tra i tanti quesiti che la gente si pone oggi c’è quello delle banconote e delle monete britanniche dove il volto della regina è stato raffigurato per decenni. Il suo ritratto è apparso anche su valute in dozzine di altri luoghi in tutto il mondo, a ricordo della portata coloniale dell’impero britannico.  Quindi cosa succederà dopo la sua morte questa settimana? 

Il ritratto della regina su banconote e monete britanniche dovrebbe essere sostituito da quello del nuovo re Carlo III , ma il passaggio non sarà immediato. “Le banconote attuali con l’immagine di Sua Maestà la Regina continueranno ad avere corso legale”, ha affermato la Banca d’Inghilterra. Come anche tutte le monete con il suo ritratto “rimangono a corso legale e in circolazione”, ha fatto sapere la Royal Mint, che è il produttore ufficiale delle monete britanniche. “Mentre rispettiamo questo periodo di rispettoso lutto, continuiamo a coniare monete come al solito”, si legge sul suo sito Web.

Con 4,7 miliardi di banconote del Regno Unito per un valore di 82 miliardi di sterline (95 miliardi di dollari) in circolazione e circa 29 miliardi di monete, il denaro britannico con l’immagine della regina sarà probabilmente in circolazione per anni. A breve però dovrebbero apparire anche le monete che raffigurano il volto di Carlo. Le monete che lo raffigurano lo mostreranno rivolto a sinistra, di profilo, in linea con la tradizione risalente al XVII secolo, sostituendo lo sguardo rivolto a destra della regina. 

La regina Elisabetta è apparsa per la prima volta con i soldi quando era ancora una principessa. Era il 1935, quando la banconota da $ 20 del Canada presentava la principessa Elisabetta di 8 anni, il cui nonno re Giorgio V era allora il monarca, come parte di una nuova serie di banconote. Le banconote canadesi da $ 20 furono aggiornate con un nuovo ritratto della regina nel 1954, un anno dopo la sua incoronazione, e il suo ritratto iniziò ad apparire anche su altre valute in tutto il mondo, principalmente colonie britanniche e paesi del Commonwealth. Le banconote britanniche non ottennero la sua immagine fino al 1960, sette anni dopo la sua incoronazione . Fu allora che la Banca d’Inghilterra ottenne il permesso di usare la sua immagine su carta moneta, a cominciare dalla banconota da 1 sterlina, sebbene l’immagine formale e regale fosse criticata per essere troppo severa e irrealistica. Elisabetta è diventata la prima monarca ad essere raffigurata sulle banconote britanniche. Le monete britanniche, nel frattempo, hanno caratterizzato re e regine per più di 1.000 anni.

E negli altri paesi?

La regina Elisabetta II è apparsa su almeno 33 valute diverse, più di qualsiasi altro monarca, un risultato notato dal Guinness World Records. La sua immagine è ancora presente sul denaro in luoghi in cui rimane una figura amata, come il Canada, e continua a incorporare la Union Jack nelle loro bandiere, come l’Australia e la Nuova Zelanda. Si trova anche su banconote e monete emesse dalla Banca centrale dei Caraibi orientali, l’autorità monetaria per un gruppo di piccole nazioni tra cui Antigua e Barbuda, Dominica, Grenada, Montserrat, St. Kitts e Nevis, St. Lucia e St. Vincent e le Grenadine. Altri posti hanno smesso da tempo di mettere la sua faccia sulla loro valuta. Dopo che la Giamaica ottenne l’indipendenza dalla Gran Bretagna nel 1962, la sua banca centrale sostituì la regina su banconote con ritratti di eroi nazionali come Marcus Garvey. La Bank of Canada ha affermato che la sua attuale banconota da $ 20, realizzata in polimero sintetico, è progettata “per circolare negli anni a venire”. “Non vi è alcun obbligo legislativo di modificare il design entro un periodo prestabilito in cui il monarca cambia”, ha affermato.

La Reserve Bank of New Zealand ha dichiarato che emetterà tutto il suo stock di monete raffiguranti la regina prima che ne escano di nuove con l’immagine di Carlo. La regina è anche presente sulla banconota da $ 20, che viene prodotta “raramente” e non esiste “un piano per distruggere azioni o abbreviare la vita delle banconote esistenti solo perché mostrano la regina”, ha affermato la banca.”Ci vorranno diversi anni prima che sia necessario introdurre monete con re Carlo III e più tempo fino all’esaurimento delle scorte di banconote da $ 20″, ha concluso.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY