[gtranslate] LA MONARCHIA BRITANNICA SI STA SMARCANDO DAI VECCHI CLICHÉ? - WHAT-U

Quando i monarchi del Regno Unito avevano un potere reale, le notizie di malattie venivano nascoste per paura che potessero indebolire la loro autorità. L’abitudine alla segretezza persistette anche dopo che i reali divennero figure di spicco costituzionali. Al pubblico britannico per esempio, non fu detto che il nonno di Carlo, re Giorgio VI, aveva un cancro ai polmoni prima della sua morte nel febbraio 1952 all’età di 56 anni, e alcuni storici hanno poi affermato che anche al re stesso nonvenne detto che era un malato terminale. L’annuncio pubblico della morte recitò solo che il re era “morto pacificamente nel sonno”. Suo padre, re Giorgio V, morì nel 1936 dopo aver sofferto di malattie cardiache e polmonari. Mezzo secolo dopo, furono pubblicati estratti di diario che rivelavano che il medico del re aveva iniettato al monarca, malato terminale, morfina e cocaina per accelerarne la morte, in parte così che potesse essere annunciato sui giornali del mattino “piuttosto che sui meno appropriati giornali serali”.

L’annucio a sopresa

Tornando ai giorni nostri, il doppio annuncio sulla salute dei reali ha colto un po’ tutti di sorpresa. E destato anche qualche preoccupazione. Perché sebbene riguardo l’intervento chirurgico addominale di Kate, la principessa del Galles, sia stato precisato che è stato necessario farlo, avendo cura di precisare: “non per la presenza di eventuali neoplasie ossia tumori”, senza aggiungere alcunché, per re Carlo  invece è stato detto ai  quattro venti che l’operazione chirurgica che dovrà affrontare sarà finalizzata al trattamento della sua prostata.  Per la serie anche i reali incorrono nelle problematiche dei comuni mortali. E ciò ha sollevato numerosi quesiti sulla propria salute a tanti sudditi britannici che grazie all’apertura del loro re, hanno deciso di sottoporsi anch’essi a controlli più accurati  di prevenzione. I sudditi hanno apprezzato l’abbandono dell’etichetta e dei rigidi vecchi cliché del loro monarca, che per questo motivo ha guadagnato molti punti in simpatia.

Non è un segreto che i dettagli sulla salute reale sono sempre stati una questione spinosa nel Regno Unito, perché i membri della monarchia è vero che sono privati ​​ma, in un certo senso, sono anche personaggi pubblici. Carlo, 75 anni, è capo di stato, e Kate, 42 anni, è destinata a diventare regina quando suo marito, il principe William, succederà al padre sul trono. Però la divulgazione dei dati sanitari di Carlo e Kate è stata vista da alcuni osservatori reali come un segno importante che lascia intendere che la monarchia si sta adattando alle comunicazioni moderne dopo secoli di silenzio sulle questioni sanitarie e avvicinandosi ancora di più ai propri sudditi. Chapeau!


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY