HARRY IN TRIBUNALE TESTIMONE CONTRO I MEDIA BRITANNICI PER LE PRESUNTE VIOLAZIONI DELLA SUA PRIVACY - WHAT-U

Quasi quattro anni dopo che il principe Harry ha citato in giudizio Mirror Group Newspapers per presunto hacking del suo telefono e uso improprio di informazioni private per creare storie salaci, l’ autore di Spare sale sullo scranno dei testimoni,  presso l’alta corte di Londra schierandosi contro The Mirror, The Sunday Mirror e The Sunday People per raccontare la sua versione puntando il dito contro questi tabloid britannici che a suo avviso lo avrebbero preso ripetutamente di mira accedendo illegalmente alla sua casella vocale e utilizzando altre tattiche illecite di raccolta di informazioni tra il 1996 e il 2011 causandogli un notevole disagio. Un processo definito da alcuni storico perché  questa è la prima volta dal lontano 1891 che un reale britannico testimonia in tribunale dopo che lo fece Edoardo VII, allora Principe di Galles, per denunciare il caso di un uomo che barava a carte. Una battaglia importante per i Sussex, che sono stati coinvolti in sette processi contro i tabloid britannici, tra questi anche The Daily Mail e  Mail on Sunday  accusati di avere violato la loro privacy.  Da parte sua, l’ editore di The Mirror ha ammesso di aver raccolto illegalmente informazioni su Harry “in un caso” e si è scusato, pur negando che i suoi giornalisti siano entrati in possesso di informazioni che li riguardavano attraverso l’hacking telefonico.

Nella sua testimonianza, Harry ha parlato specificamente di Piers Morgan, l’ex editore di The Mirror e il burbero conduttore televisivo che ha lasciato Good Morning Britain dopo aver fatto commenti sui problemi di salute mentale di Meghan Markle. Harry ha accusato Morgan e i suoi giornalisti di “interferire” nelle corrispondenze private della defunta principessa Diana, dicendo che il pensiero delle loro intercettazioni lo fa “sentire fisicamente male” e “ancora più determinato” a ritenere Morgan e i tabloid responsabili di “vili e del tutto ingiustificati comportamento.” Harry ha anche affermato che Morgan ha sottoposto lui e Meghan a una “raffica di orribili attacchi personali e intimidazioni”, “presumibilmente per rappresaglia” per la sua affermazione del Mirror Group.

Ieri uno degli avvocati di Harry David Sherborne ha torchiato l’ex corrispondente reale del Daily Mirror Jane Kerr, la cui firma appare su molti dei 33 articoli citati da Harry come esempi di intrusione illegale da parte dell’editore Mirror Group Newspapers.

L’avvocato ha suggerito a Kerr che alcune delle informazioni nelle sue storie provenissero dall’hacking telefonico. “Assolutamente no”, ha detto Kerr con un tocco di rabbia. «Non ho mai intercettato un messaggio vocale. Non saprei nemmeno come”, ha aggiunto Kerr. Ha anche negato di essere a conoscenza di violazioni della legge da parte di giornalisti freelance o investigatori privati ​​impiegati dal giornale. Kerr però ha riconosciuto nella sua testimonianza scritta che Morgan, che ha curato il Daily Mirror tra il 1995 e il 2004, “dirigeva o iniettava occasionalmente informazioni in una storia” senza che lei ne conoscesse la fonte.

Morgan ha negato di essere a conoscenza dell’hacking telefonico al Mirror e la società sta contestando le affermazioni di Harry. Mirror Group ha precedentemente pagato più di 100 milioni di sterline ($ 125 milioni) per risolvere centinaia di reclami illegali per la raccolta di informazioni e ha stampato delle scuse per le vittime di hacking telefonico nel 2015.

Dal suo canto Harry è stato irremovibile nella sua testimonianza nel ribadire che le etichette dei tabloid lo hanno sempre più proiettato in una “spirale discendente” pubblicando “articoli spazzatura”. Poi però qualcosa ha iniziato a insospettirlo quando ha notato che gli “articoli pubblicati regolarmente” su di lui che erano spesso sbagliati nel complesso, iniziavano a contenere “frammenti di verità”, che ora crede siano stati presi “dall’intercettazione di messaggi vocali e/ o raccolta illegale di informazioni”. “Non solo mi sono insospettito che le persone a me vicine avessero fatto trapelare le informazioni, ma ho anche iniziato a temere per la sua incolumità. Harry ha detto che le false narrazioni dei tabloid hanno creato “una versione alternativa e distorta di me e della mia vita, ” al punto da farlo sembrare un idiota. 

Harry ha anche affermato che le intrusioni del Mirror Group abbiano anche concorso allo scioglimento della sua relazione con l’ex fidanzata e imprenditrice Chelsy Davy, con la quale ha portato avanti una relazione a fasi alterne tra il 2004 e il 2010. All’epoca, la coppia viveva in paesi diversi e si frequentava a distanza. La mancanza di privacy ha messo a dura prova la relazione. “Non siamo mai stati da soli e in grado di godere della reciproca compagnia lontano dagli occhi indiscreti dei tabloid”, ha detto Harry. “Inoltre, non siamo mai riusciti a capire come gli elementi privati ​​della nostra vita insieme stessero trovando la loro strada nei tabloid, e così la nostra cerchia di amici è diventata sempre più piccola. Harry ha aggiunto che la situazione lo ha lasciato diffidente e incline a “attacchi di paranoia e depressione”. E ha anche portato Davy a decidere che “la vita reale non era per lei”, cosa che secondo Harry era “incredibilmente sconvolgente” per lui in quel momento.

Harry poi ha anche raccontato che un giornalista di MGN ha installato un dispositivo di localizzazione sull’auto di Davy. Secondo il Times, quando il suo avvocato gli ha chiesto di spiegare come ne era venuto a conoscenza, Harry ha risposto: “Lo abbiamo trovato”.

Nel 2009, il principe Harry ha frequentato brevemente la defunta presentatrice televisiva e conduttrice di Love Island Caroline Flack, che – come ha affermato Harry nella sua dichiarazione – “è stata spesso perseguitata” anche dai paparazzi. 

“Per tutta la mia vita, la stampa ha ingannato su di me e coperto le loro malefatte”, ha detto Harry al suo avvocato. Affermando che la difesa “ha le prove per dimostrare che alcuni giornalisti di MGN erano in contatto con gli hacker, incluso uno che aveva il numero di cellulare di Harry.

Harry ha lasciato la vita reale nel 2020, citando l’insopportabile controllo dei media e il presunto razzismo nei confronti di sua moglie, Meghan. Ora per lui questa lotta contro i media britannici è fondamentale per avere giustizia. E ricominciare una nuova vita.



Scopri di più da WHAT-U

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!

Scopri di più da WHAT-U

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading

Decreto legge n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012. Art. 3-bis (Semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni): 1. Le testate periodiche realizzate unicamente su supporto informatico e diffuse unicamente per via telematica ovvero on line, i cui editori non abbiano fatto domanda di provvidenze, contributi o agevolazioni pubbliche e che conseguano ricavi annui da attività editoriale non superiori a 100.000 euro, non sono soggette agli obblighi stabiliti dall'articolo 5 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, dall'articolo 1 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, e dall'articolo 16 della legge 7 marzo 2001, n. 62, e ad esse non si applicano le disposizioni di cui alla delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni n. 666/08/CONS del 26 novembre 2008, e successive modificazioni. 2. Ai fini del comma 1 per ricavi annui da attività editoriale si intendono i ricavi derivanti da abbonamenti e vendita in qualsiasi forma, ivi compresa l'offerta di singoli contenuti a pagamento, da pubblicità e sponsorizzazioni, da contratti e convenzioni con soggetti pubblici e privati.Provider-distributore: Aruba.it SpA (www.aruba.it) - piazza Garibaldi 8 / 52010 Soci (AR)

Realizzazione: What-u Need to know what-u@what-u.com

DISCLAMER - PRIVACY